SOTTORIVA PER TRADIZIONE

-----------------------------
CREDAMORA

-----------------------------
CINQUEGRAMMI

----------------------------- RUIO
-----------------------------
GORIO

-----------------------------
ROSE'

-----------------------------
GRANDI FORMATI

-----------------------------


-----------------------------
» BROCHURE
-----------------------------

Bicchiere consigliato :



Scarica
Scheda Vino
 
Nome: Credamora
Tipologia: Valdobbiadene DOCG Prosecco
ColFondo 11 % vol
Area produttiva: Susegana
Residuo zuccherino: Secco
Vendemmia: Raccolta manuale in piccoli recipienti e leggera pressatura dell’uva rigorosamente intera.
Colore: Giallo paglierino scarico.
Perlage: Fine.
Aroma:

Intenso e complesso.
Presenta note di frutta matura, crosta di pane e lieviti.

Gusto:

Nell’insieme secco, deciso e armonico.

Affinamento:

Maturazione in bottiglia con i propri lieviti – non filtrato.

Presa di spuma: Rifermentazione naturale in bottiglia.
Da servire: Fresco a 8-10° C su calice da degustazione.
Gastronomia: Indicato a tutto pasto, soprattutto con piatti di pesce.
   
Note: E’ consigliabile versare il vino delicatamente in una caraffa per eliminare il suo naturale deposito, prima di servirlo.

Fin dai tempi antichi, quando ancora non esistevano le tecnologie per la Spumantizzazione, l'attuale autoclave, il PROSECCO veniva messo in bottiglia con i propri lieviti , e veniva posto a riposo nella cantina di casa.
In questo periodo di tempo avveniva la rifermentazione in bottiglia, gli zuccheri residui venivano trasformati dai lieviti in sinuose bollicine, trasformandolo, dopo qualche mese, in vino frizzante. Il vino era così pronto per essere degustato con i propri lieviti di rifermentazione, che rimanevano nel fondo della bottiglia, da questo ne deriva il nome “Col Fondo” ( Sur-lie )
Malibran ha deciso di riscoprire gli antichi sapori, proponendo questo prosecco proprio come si faceva una volta.
DUE DIVERSI MODI PER DEGUSTARE
La versione “classica” suggerisce di porre a riposo il Prosecco Col Fondo per qualche giorno, in posizione verticale, ciò per permettere la sedimentazione dei lieviti; al momento del servizio, facendo attenzione a lasciare il sedimento sul fondo, consiglia di versare il vino in una caraffa.
Noi invece lo beviamo dopo aver agitato la bottiglia prima di servirla, rimettendo in sospensione i lieviti così da poter assaporare il cuore del prosecco, l'inebriante profumo della rifermentazione avvenuta in bottiglia e il ricordo di un passato che ancora oggi è vivo tra le moderne tecniche di spumantizzazione. A voi la scelta.
Buona Degustazione!